memo per controllo e penna biro per appunti

IL MARGINE DI GUADAGNO- PARTE 3

Clicca qui per la parte 2

 

Eccoci ad analizzare altri punti che influenzano il nostro margine di guadagno.

Punti 3 – 4: taccheggi e furti da personale interno

Ho unito questi due punti perché per i taccheggi puoi leggere questo articolo cliccando qui.

I furti da personale interno invece meritano una considerazione.

Siete così sicuri dei Vostri dipendenti da lasciarli soli in negozio e magari, avendo le chiavi, aprono o chiudono il negozio?

Per quanto mi riguarda “si ho fiducia ma con riserva”.

Questo significa che è necessario, per non morire all’ interno del negozio, che noi responsabilliziamo i dipendenti e gli lasciamo le chiavi.

Ma naturalmente dobbiano tenere orecchie e occhi aperti ingegnando qualche azione furba e mirata.

  1. fate in modo che aprino e chiudano almeno in due e non sempre le stesse coppie.

  2. Fate una riunione in cui specificate che chi è sorpreso a rubare o a mangiare / bere senza aver fatto lo scontrino sarà denunciato immediatamente e licenziato. Vi ricordo che, un contratto di lavoro subordinato prevede la “fiiducia tra le parti” e, in caso di denuncia, il giudice è OBBLIGATO a procedere, Voi non potete ritirare la denuncia una volta che è arrivata sul tavolo del giudice stesso.

  3. Organizzate degli arrivi a sorpresa all’ ora di apertura o chiusura da parte Vostra, di alcuni Vostri incaricati di estrema fiducia, oppure ancora da guardie giurate. Vi consiglio di esporre cartelli e ribadire che farete controlli ogni riunione

  4. ascoltate tutti i colleghi. A volte una vena d’ odio o di rivalità può svelare qualche segreto

OCCHI APERTI SEMPRE

Punto 5: Rotture prodotti

Chi lavora compie errori e a volte gli errori di un allestitore possono essere quelli di tagliare il cellophane dell’ imballo del caffè con il cutter e tagliare un pacchetto rendendolo invendibile, oppure facendo cadere una bottiglia di vino o ancora di roveciare un cartone dal carrello.

Non possiamo in questo caso fare lettere di richiamo o arrabiarsi prendendo a male parole il collaboratore (anche se a volte ci servirebbe come sfogo!!!).

Non possiamo nemmeno lasciare sempre correre.

La cosa migliore è prenderlo da parte 2 minuti e spiegare che una parte del suo stipendo viene pagato vendendo quel caffè e che una disattenzione può capitare ma che non si può sempre lasciare correre.

Una cosa comunque la dovete fare: valorizzate le varie rotture settimanalmente in maniera manuale (segnado il prezzo su un foglio apposito) o in maniera automantica rilevando le rotture con un terminale e producete le stampe periodicamente.

Confrontatele con in vendute e fate si che non vadano oltre lo 0,05% del venduto, altrimente a fine anno saranno guai per il vostro conto economico.

Tenete uno storico periodico di queste rotture e della percentuale sul venduto dello stesso periodo così a lungo andare avrete una media tutta vostra e allontanarsi da quel valore dovrà accendervi in testa una lampadina di pericolo per cui potrete correre ai ripari subito

A presto per gli ultimi punti.

Clicca qui per la parte 4

 

Categorie: Conto Economico, Margini